Windows Genuine uno Spyware?

Leggo oggi, su punto-informatico, questa notizia secondo cui, windows genuine (il controllo di autenticità di wndows) potrebbe essere considerato uno spyware. Per ammissione della stessa Microsoft infatti, il controllo:

WGA controlla l’identificativo della copia di Windows XP installata e manda un pacchetto di informazioni ai server Microsoft, contenente dati sensibili sulla configurazione hardware della macchina ispezionata. Successivamente, come dicono i rappresentanti del colosso di Redmond, ulteriori controlli avvengono ogni 9 mesi

Ora…concordo sul fatto che Microsoft dovrebbe avvisare gli utenti di questa cosa. Ok. Ma tutta stà preoccupazione, io la trovo ingiustificata (c’è altro di cui preoccuparsi…ne parlo più avanti).Chi mi conosce bene sa quanto mi dia fastidio l’eccessiva preoccupazione che si genera ogni qual volta si parla di dati personali. Ricordo ancora una lunga chiacchierata con il mio amico Roberto su un discorso riguardante gli RFID che riporto come esempio.

Il quella occasione mi si contestava il fatto che etichettando i prodotti con etichette a radiofrequenza (gli RFID appunto), chiunque avrebbe potuto sapere senza la minima difficoltà cosa un utente acquista. E questa è violazione della privacy (ptrebbe) ed i dati potrebbero essere usati da chi li ottiene per tracciare un mio profilo personale ed inviarmi pubblicità mirata.

Ok…mi può stare bene come osservazione (per l’altro molto diffusa). Ma…se ci facciamo problemi con gli RFID, allora dvremmo faceli anche con le casse al supermercato, con i carrelli della spesa e con le buste. Perché?Semplice: quando faccio la spesa al supermercato, chiunque può vedere quello che metto nel carrello. Quando vado a pagare, chiunque può sapere cosa ho acquistato e quanto ho speso. Quando esco con le buste, non è difficle vedere i prodotti che ci sono all’interno.

In questi casi però, non ci lamentiamo di una possibile violazione della nostra privacy. Perché?

Torniamo a WGA. Manda dei dati a Microsof. Che gli manda? Informazioni (anonime) sul software installato. Be? Che problema c’è se le manda ogni 9 mesi? Che Microsoft sappia quali programmi ci sono sul PC, in mezzo ad altri milioni di persone, che problema causa?Mi si può obiettare che non è giusto che una azienda sappia quali software un utente ha installato. Allora, non diciamo che Microsoft viola la nostra privacy. Chiediamo che ci venga detto QUALI dati vengono recuperati e che essi siano limitati ai soli software Microsoft. Che problema ci sarebbe?

La cosa che mi fa spesso sorridere (ormai non ci litigo più) quando sento la gente troppo preoccupata per la propria privacy è che spesso non ci si rende conto di quanti dati spargiamo noi, consapevolmente, inconsapevolmente o volutamente.Compriamo abiti di un certo tipo tanto perché ci piacciono quanto perché la gente li veda. E questo non è dare informazione di se?Compriamo (quando è possibile) auto di un certo tipo, le laviamo il sabato e ci andiamo in giro nel WE perché la gente ci veda e si faccia una idea di noi.

Mi si può obiettare che un conto è dare volutamente informazioni di se, un altro è che qualcuno le prenda senza il nostro consenso.Posso anche essere d’accordo con questa affermazione ma personalmente non ho mai visto queste persone (o la maggior parte di esse) usare il PC come User e non come Admin, usare Anonymizers per navigare in rete, configurare decentemente un firewall, mettere la spesa in sacchetti neri e rivestire i carrelli del supermercato con dei cartoni per non farci guardare dentro.

Che non ci sia un po di ipocrisia dietro alla mania sulla privacy? Io di sicuro ci vedo un po’ di incoerenza.

Ma torniamo a WCA. Avevo accennato che, per questo servizio in modo particolare, sono 2 le cose di cui ci si dovrebbe davvero preoccupare e sono tutte e 2 citate nell’articolo:

È un meccanismo di sicurezza che serve per terminare l’esecuzione di WGA qualora i server centrali mandassero un particolare segnale di malfunzionamento

che come giustamente fa notare l’autore dell’articolo, potrebbe anche essere usato per altri scopi e soprattutto:

WGA, infatti, è un servizio di sistema e gira con privilegi da amministratore

QUESTO si che mi preoccupa!!!!