Primo mese su #windowsazure

Screenshot (2)

Il mese scorso decisi di migrare questo blog su Windows Azure e mi ripromisi di fare alcune valutazioni dopo un primo periodo di utilizzo. Ora, che il primo mese è passato, è tempo di fare un primo bilancio della migrazione.

Come avevo scritto il mese scorso, questo blog gira su WordPress e, a dispetto di quanto mi aspettassi, la migrazione è stata molto semplice ed è stata effettuata in breve tempo e senza particolari problematiche. Ma le domande a cui volevo rispondere (prima a me stesso e poi a chi me le ha fatte) sono sostanzialmente 2:

  1. come stà funzionando?
  2. quanto costa?

Rispondere alla prima domanda non è semplice. Io direi che stà funzionando benissimo. In questo mese non ho riscontrato alcun tipo di problema e la velocità di risposta delle pagine la trovo ottima. Non è semplice  rispondere in quanto non ho preso dei dati misurabili prima e dopo la migrazione quindi non dispongo di dati “matematici”. E’ una mia mancanza, lo so, ma non avevo il tempo materiale per svolgere una analisi più approfondita.

Quello che posso dire è che il tempo di risposta mi sembra migliorato, ma è una affermazione priva di riscontri certi. Di sicuro, in questo mese, non ho riscontrato periodi di down del sito.

Per quanto riguarda il costo, attualmente stò consumando circa 0,20 € al giorno (pari a circa 6 € al mese) ovviamente calcolando solo il sito web. Considerando il credito disponibile sulle sottoscrizioni free trial, al momento non speso ancora nulla.

Per quanto riguarda il costo, sicuramente esistono servizi di hosting più economici ma, come sappiamo, Windows Azure non è solo hosting e, al momento, stò comunque risparmiando rispetto al vecchio hosting provider.

Ovviamente, queste considerazioni sono fatte sulla base della mia esperienza e su un website di fatto poco trafficato (il grosso dei traffico viene effettuato via feedburner). Se doveste decidere di intraprendere la strada del cloud, considerate quelli che sono i vostri consumi medi, considerate anche gli eventuali picchi che ricevete durante l’anno e fate le vostre valutazioni. Sicuramente, se non avete del vostro hardware e dovete investire in server e connettività, partire con una soluzione completamente cloud potrebbe essere una buona idea e farvi ridurre di molto i costi di start-up (nonchè darvi degli elementi oggettivi per fare le vostre valutazioni e calcolare correttamente il dimensionamento).

Se avete domande, chiedere pure!

,,